nuove aperture p.iva

In Campania nel primo trimestre del 2015 sono nate 4.022 imprese guidate da giovani under 35 con un saldo positivo pari a +1.854 aziende. Nella graduatoria delle province italiane Caserta si colloca al terzo posto (12.923 imprese, con un tasso d’incidenza del 14,4% sulle imprese iscritte); Napoli al nono (35.691, 12,9%); Salerno all’undicesimo posto (15.211, 12,8%); Avellino al diciannovesimo posto (5.097, 11,7%); Benevento al ventitreesimo posto (3.894, 11,3%). In tutte le province campane – evidenzia il Centro Studi Ance Salerno, che ha estrapolato i dati dalla rilevazione trimestrale condotta da Infocamere e pubblicata il 1° giugno scorso – il tasso d’incidenza delle imprese under 35 sul totale delle aziende iscritte ai registri camerali risulta sensibilmente superiore alla media Italia (9,5%). L’analisi di Unioncamere conferma che i settori più attrattivi per le nuove leve imprenditoriali risultano il commercio e l’edilizia, ai quali occorre aggiungere i servizi alloggiativi e la ristorazione. Molte attività si inseriscono, inoltre, nell’ambito dei servizi alla persona e del commercio al dettaglio. Unioncamere fa, inoltre, notare che hanno contribuito in maniera rilevante ad alzare i tassi di incidenza i neo-imprenditori immigrati. Nel contesto nazionale su 35.442 nuove aziende giovanili, 7.773 (una su cinque) è guidata da una persona nata al di fuori dei confini italiani. Nel caso delle imprese guidate da immigrati, nel commercio si concentra il 29,5% di nuove aziende giovanili e nell’edilizia il 18,1%. Massiccia la presenza di stranieri anche nei servizi di alloggio e ristorazione. Tra i primi dieci settori nei quali sono confluite le nuove imprese i servizi finanziari costituiscono uno dei riferimenti più gettonati (il 48,3% in questo segmento è guidata da un under 35). I servizi alla persona (43,9%) e il commercio al dettaglio (39,6%) si configurano come aree di grande interesse. Delle oltre 115mila nuove imprese nate tra gennaio e marzo su tutto il territorio nazionale oltre 35mila (31%) sono guidate da giovani con meno di 35 anni. «La culla di questa vitalità imprenditoriale – è scritto nella nota di Unioncamere – continua ad essere il Mezzogiorno, dove ha sede il 36% delle imprese giovanili nate lo scorso trimestre con poco più di 13mila nuove iniziative». Unioncamere fa notare che – sempre su scala nazionale – quasi due aziende su tre hanno puntato fin dall’inizio su internet ed il 45% è pronto a vendere on line. Commercio (20%); costruzioni (9,5%) e servizi di ristorazione (5,1%) sono i settori nei quali si registra la maggioranza delle iscrizioni. Nel 76% dei casi siamo in presenza di imprese individuali e solo nel 17% di società di capitale. Il contributo delle imprese giovanili Il saldo tra aperture e chiusure di imprese giovanili a livello nazionale nel primo trimestre del 2015 è stato pari a +16.606 unità. «Pur rappresentando il 9,5% di tutte le imprese oggi iscritte alle anagrafi camerali – spiega la nota di Unioncamere – le imprese guidate da under 35 contribuiscono per oltre il triplo di questo valore (31%) all’afflusso di nuove forze imprenditoriali nel tessuto del Paese». Il Mezzogiorno

Data 16/06/2015

Ti potrebbe interessare anche